Personale docente

Paola Molino

Ricercatore a tempo determinato di tipo B

M-STO/02

Indirizzo: VIA DEL VESCOVADO, 30 - PADOVA . . .

E-mail: paola.molino@unipd.it

  • Il Martedi' dalle 14:00 alle 16:00
    presso Ufficio 03.43- Dipartimento DISSGEA - Via del Vescovado, 30 - 35141 Padova
    La docente è comunque disponibile anche in altro giorno o orario, da concordare via email. L'ufficio della docente è al secondo piano ala NORD (opposta all'ingresso). Per difficoltà, chiedere al punto informazioni.

Paola Molino (1981) is Assistant Professor in early modern history at the University of Padua. She holds a PhD in History and Civilization from the European University Institute. Here she defended in 2011 a thesis entitled “L’Impero di carta, Hugo Blotius Hofbibliothekar nella Vienna di fine Cinquecento" forthcoming as a monograph in 2017. During the last year of her PhD she was admitted to attend the Vatican School for Library Science where she obtained the grade as librarian in October 2011.
From 2011 to 2014 she was post-doctoral research fellow in Vienna, in the framework of the project “The Fuggerzeitungen, an early modern informative systems and its index” carried on under the direction of Prof. Katrin Keller, and based at the Institut für Österreichische Geschichtsforschung and the Austrian National library. The aim of the project has been to catalogue a stock of “hand-written newspapers”, the so-called Fuggerzeitungen, in order to facilitate their use for historical research. (now in http://fuggerzeitungen.univie.ac.at/).
A second goal of the project has been to write a book in which the informative systems in the Italian States and in the Holy Roman Empire were compared, by focusing on the different structures, geographies and content of the newsletters in German and Italian. For carrying out this research in Italy she was granted a scholarship from the Austrian Academy of sciences at the Austrian Historical Institute in Rome, where she has been working until June 2015. The book deriving from the research has been published - also in open access- in November 2015 with the title "Die Fuggerzeitungen im Kontext. Zeitungssammlungen im Alten Reich und in Italien" (Wien, Böhlau, 2015). The book is co-authored with Katrin Keller
In summer 2012 she was short-term post-doctoral fellow at the Max Plank Institute for the History of Science in Berlin in the project "The Learned Practices of Canonical Texts: A Cross-Cultural Comparison" organized by Profss. A. Grafton and G. Most. The aim of the project was to write a comparative history of textual practices from antiquity to early modern times, from Europe, to India and China. The book was published by Cambridge University Press in 2016 with the title “Canonical Texts and Scholarly Practices: A Global Comparative Approach”. She contributes to this collective work with a chapter on “World Bibliographies: Libraries and the reorganization of knowledge in late Renaissance Europe” in which she sketches the main features of the European Renaissance library using as a case study a subject catalogue on the Ottomans drawn up in Vienna in 1576.
From July 2015 until February 2017 she researched and taught at the Department of early modern history of the Ludwig Maximilians University in Munich, as Alexander von Humboldt Post-doctoral fellow. Here she carried out a project about the structure and function of early modern European library catalogs, with the aim of attempting a connected history of bibliography in Europe and beyond, in the time 1570-1650. In order to keep the balance between the local (Bavarian-European) and global level, she started a research project about library catalogs in a tranregional perspective. For organizing a first “explorative workshop” on this topic she was granted in November 2015 a subsidy from the Forum Transregionale Studien in Berlin. The workshop took place in October 2016.
full CV in [add link]

Die Fuggerzeitungen im Kontext. Zeitungssammlungen im Alten Reich und in Italien" Wien, Böhlau, 2015 (co-authored with Katrin Keller: Introduction and conclusion (co-authored), Chapter 1-2 Katrin Keller, chapters 3-4 Paola Molino).
Documents and maps published in http://fuggerzeitungen.univie.ac.at (Paola Molino: index of about 3000 Avvisi and Zeitungen)

Reviewed in:
sehepunkte 16 (2016), Nr. 7/8 [15.07.2016], Andreas Wuergel
Holger Böning: HistLit 2016-3-059: H-Soz-Kult21.07.2016.

L’Impero di carta. Storia di una biblioteca e di un bibliotecario. Vienna 1575-1608, Roma, Viella, previsto per giugno 2017.

Articles:

The Librarian Network: the uses of correspondence in an Early Modern court Libraries, in Practice of scholarly communication, ed. by Vladimír Urbánek, Farnham, Ashgate, forthcoming 2017.

Connected news: Geschriebene Zeitungen and Italian Avvisi in the Fugger collection (1568-1604), in « Media History » 2016, DOI:10.1080/13688804.2016.1235484

World Bibliographies: Libraries and the reorganization of knowledge in late Renaissance Europe, in Canonical Texts and Scholarly Practices: A Global Comparative Approach, ed. By Anthony Grafton and Glenn Most, Cambridge University Press, 2016, pp. 299-322.

Vedere i mostri. Lo studio della natura in età moderna. Molino legge Krämer, “Storica” 63, 2016, pp. 129-142

Ni Gessner ni Possevino: Hugo Blotius et la réorganisation de la bibliothèque impériale de Vienne à la fin du XVIe siècle, “Histoire et civilisation du livre” vol. XI (2016), 277-304.

Die Hofbibliotheken in München und Wien um 1600. Ein Vergleich, in: Die Hofbibliothek zu München unter den Herzögen Wilhelm V. und Maximilian I., hg. v. A. Schmid, München 2015 (= Zeitschrift für bayerische Landesgeschichte, Beiheft 43), 275-307. (co-authored with Helmut Zedelmaier)

Intorno all’Alcorano di Macometto di Pier Mattia Tommasino, « Storica » (58) 2014, pp. 85-122 (co-authored with Giuseppe Marcocci, Vincenzo Lavenia, Paolo Procaccioli)

Il mestiere dei libri nel tardo Rinascimento, “Bibliothecae.it”, 2/2013, pp. 23-79.

Farsi spazio: riflessioni sulla costruzione della biblioteca imperiale di Vienna alla fine del XVI secolo, “Quaderni Storici” 1/2013, pp. 117-140.

Esperimenti bibliografici fra Vienna e Zurigo (1576- 1589), “Bibliothecae.it” 1 (2012), pp. 21-69.

Usi e abusi di una biblioteca imperiale (1575-1608) in EREBEA. Revista de Humanidades y Ciencias Sociales, 2 (2012), pp. 127-158.

Nikodemismus und Konfessionalisierung am Hof Maximilians II., in Frühneuzeit-Info 22/2011, pp. 112-128. (co-authored mit Gábor Almási)

Alle origini della Methodus Apodemica di Theodor Zwinger: la collaborazione di Hugo Blotius, fra empirismo ed universalismo, in “Codices Manuscripti, Zeitschrift für Handschifritenkunde” 56/57 (2006), pp. 43-67.




Download Pubblicazioni_Molino.pdf

Early modern History
Entangled and connected history
History of knowledge
History of the books libraries (16th and the 18th centuries)
History of the news and history of information

#corsodistoriamodernaecontemporanea
#infoesami

ESAME ORALE: sia frequentanti che non frequentanti, oltre a segnarsi regolarmente all'esame devono scrivermi un'email a paola.molino@unipd.it per comunicarmi il programma che hanno scelto.

ESAME SCRITTO: Fra la pubblicazione del voto e la data di scadenza dell'accettazione o del rifiuto è previsto un ricevimento eccezionale, durante il quale potrete venire a discutere con me l'elaborato. Nel caso in cui non possiate venire al ricevimento il giorno indicato di seguito, volentieri possiamo concordare un'altra data, precedente la data di scadenza dell'accettazione del voto.

Esame scritto 15/06 > pubblicazione del voto 23/06 > ricevimento eccezionale martedì 27/06, a partire dalle 12.00

Esame scritto 13/07 > pubblicazione del voto 21/07 > ricevimento eccezionale martedì 25/07, a partire dalle 12.00

FAQ
Se si decide di rifiutare il voto d'esame al primo appello o non si riesce a passare la prova d'esame è possibile presentarsi al secondo appello di luglio? sì è possibile
Chi sostiene l'esame orale? Gli studenti che hanno già conseguito 4 crediti e gli Erasmus che lo richiedono
Ma il volume di Parker "Le relazioni globali in età moderna" chi lo deve leggere? Lo leggono per intero come programma aggiuntivo gli studenti non frequentanti. I frequentanti tuttavia hanno un capitolo dello stesso libro fra le letture obbligatorie. Quel capitolo va letto anche se si è frequentanti.

Fino a quando la prof. continuerà a mettere materiale da studiare su moodle? Entro domani, 08.06.17 pubblico il powerpoint dell'ultima lezione e quello della lezione di Silvia Sebastiani.

#corsodistoriamodernaecontemporanea
#scienzedellaformazioneprimaria
#appelli sessione estiva
Gli appelli d'esame per la sezione estiva del corso di Storia moderna e Contemporanea per frequentanti e per non frequentanti sono previsti per il:
15/06, alle ore 9.30 c/O EF9 EX FIAT per lo scritto; e alle ore 15 in aula H VIA BASSI 2 per l'orale (riservato a chi deve conseguire soltanto 4 CFU o eventualmente agli studenti Erasmus);
13/07, alle ore 9.30 in aula F via Bassi 2 per lo scritto; e alle ore 15 in aula H VIA BASSI 2 per l'orale (riservato a chi deve conseguire soltanto 4 CFU o eventualmente agli studenti Erasmus)


#corsodistoriamodernaecontemporanea
#scienzedellaformazioneprimaria
#suquellaquestionedeicrediti
Per gli studenti di scienze della formazione primaria, che hanno già conseguito 4 cfu in storia moderna o contemporanea l'esame è orale. Se possiedono già 4 CFU in storia contemporanea, gli studenti frequentanti possono decidere se frequentare solo il primo modulo (fino all’8 maggio 2017) e sostenere l’esame orale sul corso e il manuale, oppure frequentare entrambi i moduli e sostenere l’esame soltanto sul secondo modulo, portando il materiale delle lezioni a partire dall'08 maggio e una monografia a scelta fra quelle indicate nella lista.
Gli studenti che hanno conseguito 4 CFU in storia moderna (ad esempio corso del Prof. Paolo Preto) frequentano il secondo modulo portando all’esame i materiali della parte di approfondimento (lezioni 21-30) e una monografia a scelta fra quelle indicate nella lista.
Gli studenti non frequentanti possono scegliere se sostenere la parte generale sul manuale e la monografia di Parker (vedi sopra) oppure sono tenuti a concordare con la docente un programma da non frequentante su uno dei percorsi di approfondimento fra quelli proposti.